I disabili

"Il lavoro non è che una frazione della nostra convivenza coi minimi, che vuol essere assunzione totale di una sorte, ed è in questa assunzione che si compie la nostra adorazione. "

- don Giuseppe Dossetti -

La maggior parte dei piccoli che sono con noi richiede un impegno di dedizione e di assistenza a tempo pieno. Dopo tanti anni in cui la Famiglia ha provveduto a sé stessa attraverso la produzione artigianale e la vendita delle icone, nel 1988 si è costituita la Montetauro Coop. Sociale, in modo che l'opera di assistenza ai nostri piccoli e disabili fosse riconosciuta, tutelata e retribuita, tale quindi da permetterci di mantenerci autonomamente con il nostro lavoro e di mantenere i "nostri figli". Così la parte più consistente dei fratelli e delle sorelle, insieme ad alcune famiglie della Comunità, sono impiegati nella Montetauro Cooperativa Sociale.

La forma della Cooperativa Sociale richiede che il servizio ai disabili risponda ai parametri di Qualità indicati dalle normative Regionali e Nazionali. Per questo molti dei piccoli accolti nella Piccola Famiglia sono inseriti come Utenti della Struttura, suddivisa in diversi servizi: 
- un Centro Residenziale (CRM);
- un Centro Diurno (CD);
- alcune Case-Famiglia (CFM);
- un Centro Italia-Cina, a Savignano sul Rubicone (CIC).

I fratelli e le sorelle della Piccola Famiglia affrontano i percorsi di formazione professionale necessari per svolgere il loro lavoro educativo ed assistenziale: corsi per Operatori socio-sanitari, Lauree in Scienze Infermieristiche, in Scienze dell'Educazione, in Scienze della Formazione e in Scienze Psicologiche, Master e corsi di aggiornamento per le professioni socio-sanitarie, per amministratori ecc.

La Montetauro Cooperativa Sociale offre una Carta dei Servizi che rappresenta in termini socio-educativi ed assistenziali la realtà familiare da cui nasce e lo spirito dalla Comunità: l’accoglienza senza riserve, l’ascolto senza pregiudizi, la chiarezza del linguaggio e dei gesti, la fiducia nella redimibilità e nell’educabilità dell'Uomo. Secondo l'esperienza fatta fin dagli inizi con i Piccoli, la Mission propria della Cooperativa orienta tutto il nostro lavoro perché i disabili non vivano in un rapporto di completa dipendenza da chi svolge per loro un servizio, ma esprimano tutte le loro potenzialità residue. Essere occhio di chi non vede e gambe di chi non cammina non significa sostituirsi in tutto a chi porta una disabilità, ma aiutare ogni persona a raggiungere una propria maggiore autonomia, a non rinunciare a nessuna delle méte possibili, ad  acquisire progressivamente una personalità adulta, a tendere sempre più ad una vita normale e normalizzante (cfr.Carta dei Servizi). Questo tipo di Vision anima il lavoro e la formazione di tutti i membri della Cooperativa e dei volontari che si affiancano a noi.