Le origini della Piccola Famiglia dell'Assunta

I prodromi della "Piccola Famiglia dell'Assunta" si possono far risalire ad un gruppo di giovani che nell'estate del 1972 diede vita a Montilgallo (Longiano - FC) ad una casa per l'accoglienza definitiva di portatori di handicap della provincia forlivese:

«In quella casa di Montilgallo c'erano già alcuni ingredienti che ritroviamo nella Piccola Famiglia di oggi: molta preghiera personale, Liturgia delle Ore, Sacra Scrittura - spesso volentieri - Messa tutti i giorni. [...] C'è anche una cassa comune [...]».
- E. Brigliadori, Piccola Famiglia dell'Assunta, in "Il Ponte" 23 (1998/99), 2 -

La prima casa, a Montilgallo (Savignano, FC)

Nel maggio dell'anno successivo don Giuseppe accoglie la richiesta del giovane, il quale passa alcuni mesi a Monteveglio ed altri a Gerico. Terminato il servizio civile (1975/77), Bellavista inizia a vivere insieme a delle giovani (1977/78). Nasce il primo nucleo della futura "Piccola Famiglia dell'Assunta".
Negli anni 1979/81 ritroviamo Lanfranco ancora a Gerico, sempre con la "Piccola Famiglia dell'Annunziata".
Nel dicembre 1981, in seguito al discernimento operato da don Dossetti, Bellavista viene ordinato diacono e, all'inizio dell'anno successivo, presbitero della Chiesa di Rimini, dopo aver emesso i voti nelle mani del vescovo, come monaco. Il giorno prima della prima Messa don Lanfranco riceve come dono, dallo stesso don Giuseppe, la "Piccola Regola". Bellavista, quindi, dopo un iniziale periodo come vicario parrocchiale a Viserba, a Rimini e a Savignano sul Rubicone - dove aveva sede la comunità - viene nominato (1985) pastore della parrocchia di Santa Innocenza V. e M., a Montetauro di Coriano (RN).

Taizé '72

Invero, fu lo stesso don Giuseppe Dossetti a chiedere al vescovo riminese una piccola parrocchia per don Lanfranco per tacitare ogni possibile critica da parte dei confratelli nel presbiterato, considerata la scarsità del clero diocesano. Mons. Locatelli scelse, così, la piccola parrocchia di Montetauro, di appena 500 abitanti. La comunità abita nella canonica della parrocchia di Montetauro.
È la nascita di un rapporto con la comunità fondata da Dossetti che legherà Bellavista e l'intero gruppo di persone che condividevano la scelta di una vita di preghiera e di servizio con gli ultimi.

E così:

«La nostra piccola famiglia, dopo aver mosso spontaneamente i primi passi, ha trovato nella "Piccola Regola" [...] la forma semplice a cui conformarsi. Più volte, in realtà, ci eravamo dettati appunti, che guidassero il nostro cammino, ma una volta entrati in contatto con la famiglia di Monteveglio e letta la loro regola, abbiamo sentito con chiarezza che essa, per l'ampio respiro spirituale, poteva essere anche la nostra regola».
- Premessa allo Statuto -

La data di inizio della "Piccola Famiglia dell'Assunta" può essere considerata, pertanto, quella della consegna della "Piccola Regola" da parte di Dossetti a Bellavista (1982), anche se abbiamo visto, la comunità esisteva da prima, e cioé dal 1977/78, anno in cui alcune giovani decisero di vivere con Don Lanfranco.